Blog
Vita

Gino Strada – Cosa vorresti fare …

0

Cosa vorresti fare da grande?
Quando ero ragazzino, rispondevo “il musicista” o “lo scrittore”.
Ho finito col fare il chirurgo, di guerra per la precisione.
E ho chiuso da tempo con le nostalgie e il rimpianto di non saper suonare uno strumento né scrivere un romanzo.
Così, quando mi è stato proposto questo libro, ho detto semplicemente: mi piacerebbe tanto ma non ne sono capace…
Non essendo scrittore, ho cercato di percorrere l’unica via possibile, quella della memoria, e lasciare che fatti e persone, pensieri e sensazioni, si trasformino in parole scritte.
Non mi illudo certo di aver partorito un libro di valore.
Spero solo che si rafforzi la convinzione, in coloro che decideranno di leggere queste pagine, che le guerre, tutte le guerre sono un orrore.
E che non ci si può voltare dall’altra parte, per non vedere le facce di quanti soffrono in silenzio.

Continua a leggere…

Terzani – Da dove prendono le proteine gli elefanti?

0

Guardavo quei bei pesci muoversi nell’acqua, guardavo i maialini appesi agli uncini e pensavo a come, a parte la miseria e la fame, l’uomo ha sempre trovato strane giustificazioni per la sua violenza carnivora nei confronti degli altri esseri vienti.
Uno degli argomenti che vengono ancora usati in Occidente per giustificare il massacro annuo di centinaia di milioni di polli, agnelli, maiali e bovi è che per vivere si ha bisogno di preteine.
E gli elefanti?
Da dove prendono le proteine gli elefanti?

Continua a leggere…

Erri De Luca – Quando morì non me ne accorsi.

0

Quando morì non me ne accorsi.
Dormivo sulla sedia, le mani intrecciate alle sue, gli occhi miei chiusi e i suoi aperti verso di me.
Quando sciolsi le dita dalle sue fui solo al mondo.
Fu la mia porzione quella donna venuta fino a me.
Edificammo contentezze, lenticchie di festa minore ma continua.
È stata poco con me, una breve durata nel corso della vita, però è venuta.
Sono stato una persona in questo mondo non solo per i primi dieci anni della vita, ma anche nei sette del matrimonio.
Essere al mondo, per quello che ho potuto capire, è quando ti è affidata una persona e tu ne sei responsabile e allo stesso tempo tu sei affidato a quella persona ed essa è responsabile per te.
Sette anni non furono pochi.
Anche se fossero stati la metà o la metà ancora, non sarebbe stato poco.
Non ci si può lamentare della brevità, non è giusto, ma della lunghezza sì. ...

Continua a leggere…

Steve Jobs – Ricordarsi che morirò ..

0

Ricordarsi che morirò presto è il più importante strumento che io abbia mai incontrato per fare le grandi scelte della vita.
Perché quasi tutte le cose – tutte le aspettative di eternità, tutto l’orgoglio, tutti i timori di essere imbarazzati o di fallire – semplicemente svaniscono di fronte all’idea della morte, lasciando solo quello che c’è di realmente importante.
Ricordarsi che dobbiamo morire è il modo migliore che io conosca per evitare di cadere nella trappola di chi pensa che avete qualcosa da perdere.
Siete già nudi.
Non c’è ragione per non seguire il vostro cuore.

Continua a leggere…

Gioconda Belli – Eravamo folli tutti noi?

0

Eravamo folli tutti noi?
Quale mistero genetico faceva sì che la specie umana superasse l’istinto di sopravvivenza individuale quando la tribù, la collettività si trovava in pericolo?
Qual era la ragione per cui si era capaci di sacrificare la vita per un’idea, per la libertà altrui?
Perché l’impulso eroico era tanto forte?
Quel che a me sembrava più straordinario era la felicità, la pienezza che c’era nell’impegno.
La vita acquistava un senso completo, una meta, uno scopo.
Si provava una complicità assoluta, un legame viscerale con centinaia di volti anonimi, un’intimità collettiva nella quale scompariva qualsiasi sentimento di solitudine o di isolamento.
Nel lottare per la felicità di tutti, si trovava prima di tutto la propria.

Continua a leggere…

Alessandro Baricco – Nessuno deve credere

0

Nessuno deve credere di esser solo, perché in ciascuno vive il sangue di coloro che l’hanno generato, ed è una cosa che va indietro fino alla notte dei tempi.
Così siamo solo la curva di un fiume, che viene da lontano e non si fermerà dopo di noi.
Alle volte non facciamo altro che  finire lavori lasciati a metà.
E iniziare lavori che altri finiranno per noi.

Continua a leggere…

Pagina 4 di 130« Prima...23456...Ultima »