Blog
Sogni

Alfredo Castelli – Mi piace perché..

0

Credo che uno debba fare il lavoro verso cui è più portato.
E questo, malgrado tutto, è il lavoro che più mi piace di ogni altro al mondo.
Mi piace perché amo scrivere, disegnare; perché amo sognare e raccontare i miei sogni.
Perché voglio poter scegliere io i miei tempi di lavoro; perché mi permette una certa libertà di cui non posso fare a meno.
Spero ma so che è difficile e non ci conto, che prima o poi, continuando a impegnarmi, riuscirò a entrare nella rosa dei pochi autori pagatissimi, celebri e in grado di far sentire la propria voce.
Per ora mi accontento dello stipendio di un impiegato di prima categoria… divertendomi molto di più.

Continua a leggere…

Antonino Zaffiro – Buonanotte amore

0

Leroe: “Buonanotte amore!”
Era più o meno quello che voleva dirle ogni volta che, con la mano, le mandava quell’ultimo bacio: come avere l’illusione, in quel modo, di essere il suo ultimo pensiero prima che si addormentasse, l’ultimo suo respiro mentre gli occhi le si chiudevano per lasciar posto ai sogni.

Continua a leggere…

Haruki Murakami – Eppure, se avessi potuto ..

0

Eppure, se avessi potuto ricominciare da capo, ero sicuro che avrei rifatto le stesse identiche cose.
Perché quello ero io: quella vita in cui continuavo a perdere tutto.
Non avrei potuto fare altro che diventare me stesso, nient’altro che me stesso, con tutte le persone che mi avrebbero lasciato, o che io avrei lasciato, con tutti i bei sentimenti e le magnifiche qualità e i sogni che sarebbero andati distrutti, o perlomeno che avrei dovuto ridimensionare.
Un tempo, quando ero più giovane, mi ero illuso di poter diventare qualcos’altro.
Però finivo sempre per tornare allo stesso posto, come una barca dal timone bloccato.
Quello ero io.
Non potevo andare da nessun’altra parte.
Ero lì, e aspettavo di tornare.

Continua a leggere…

Luis Sepúlveda – Sognavo che tutti

0

Sognavo che tutti quei libri rinchiusi volevano parlare, che aspettavano il giusto interlocutore, e quello ero io.
Sognavo che i libri mi parlavano con il loro linguaggio silenzioso, mi mostravano tutte le parole stampate sulle loro pagine, a una a una, ed esigevano da me una promessa: dovevo trasformarmi nel depositario, nel custode, nell’amoroso protettore delle parole.
Allora io promettevo di vigilare che non perdessero mai il loro valore intrinseco, la loro capacità di dare un nome a tutte le cose e, a partire da questo, di farle esistere…

Continua a leggere…

William Faulkner – Sognate e mirate

0

Sognate e mirate sempre più in alto di quello che ritenete alla vostra portata.
Non cercate solo di superare i vostri contemporanei o i vostri predecessori.
Cercate, piuttosto, di superare voi stessi.

 

Continua a leggere…

Paulo Coelho – Si era appena resa conto …

0

Si era appena resa conto che esistono due cose che impediscono a una persona di realizzare i propri sogni: pensare che essi siano impossibili, oppure – grazie a un improvviso scarto della ruota del destino – vedere che si trasformano in qualcosa di possibile quando meno ce lo si aspetta.
In quel momento, affiora la paura di un cammino ignoto, di una vita piena di sfide sconosciute, della possibilità che le cose a cui siamo abituati scompaiano per sempre.
Le persone vogliono cambiare tutto e, nello stesso tempo, desiderano che ogni cosa continui a essere come prima.

Continua a leggere…

Pagina 1 di 2912345...Ultima »