Blog
Sofferenza

James Rhodes – Ma il dato inconfutabile ..

0

Ma il dato inconfutabile è che la musica mi ha letteralmente salvato la vita, come credo abbia fatto con una miriade di altre persone.
Dona compagnia quando c’è solitudine, comprensione quando c’è confusione, consolazione quando c’è disperazione, ed energia pura e incontaminata quando non sei che un guscio vuoto, affranto e senza forze.

QUI la versione originale Inglese

Continua a leggere…

Roy Martina – Un giorno in cui

0

Un giorno in cui ero totalmente esausto dopo avere tirato cinquecento calci al sacco, il mio maestro Frits Jaspers mi disse: «Roy, per diventare un campione non puoi accontentarti di fare una cosa ordinaria.
Devi spingerti a fare qualcosa di straordinario: alzati e tira altri duecentocinquanta calci, e quando senti che non puoi più sferrarne nemmeno uno, tirane altri cento!» Sensei Jaspers era il mio modello, uno dei migliori praticanti di arti marziali che avessi mai incontrato, e desideravo diventare bravo come lui.
Perciò, quando mi sfidò a oltrepassare la mia zona di comfort e a dare di più di quel che ritenevo possibile decisi di provarci con tutto me stesso.
Tirarsi indietro non era contemplato.
Mi alzai e cominciai a sferrare calci immaginando di combattere contro un esercito di duecentocinquanta soldati che voleva uccidermi.
Riuscii a tirare duecentocinquanta calci.
Soddisfatto per avere raggiunto l’obiettivo, crollai a terra senza fiato.
Sensei Jaspers mi guardò e disse: «Hai fatto più di ...

Continua a leggere…

Sergio Bambarén – Aveva cercato di..

0

Aveva cercato di apprendere il più possibile dalle tragedie che troppi esseri umani vivono sulla propria pelle: le guerre, la crudeltà, l’indifferenza verso chi soffre.
Aveva capito l’importanza delle cose semplici e quanto sia facile perdersi conformandosi alla massa e inserendosi in un ambiente dove ognuno pensa solo a se stesso.
E si era reso conto che tutte le ideologie e le religioni sono elaborate costruzioni campate in aria.
Perché tante inutili complicazioni? Alla fine, si potrebbe ridurre tutto a due frasi pronunciate da uno degli uomini più saggi mai esistiti, Gesù di Nazareth.
«Amatevi l’un l’altro come io ho amato voi», disse ai suoi discepoli. E quando lo crocifissero per un peccato che non aveva commesso, ebbe ancora la forza e l’amore per chiedere a Dio: «Perdonali, Padre, perché non sanno quello che fanno».
L’amore e il perdono: strumenti gemelli il cui uso porta a una vita libera da pregiudizi, invidia, amarezza e dai sentimenti negativi che impoveriscono l’esistenza ...

Continua a leggere…

Alexandra Scheiman – Frida si guarda ..

0

Frida si guarda il grembo e fa scivolare la mano fredda sotto la camicetta tehuana.
Lo sente tiepido, come se non avesse ancora dimenticato che per tanti mesi ha custodito una vita.
Il feto si trovava in una posizione sbagliata, e avevano dovuto svuotarle il ventre.
All’ospedale, il giorno dell’aborto, Diego non c’era.
Suo marito, quel giorno l’ha passato con una delle sue amanti.
Frida non può dimenticare che mentre le strappavano il piccolo Diego, l’altro, il grande, placava la sua fame di sesso in un hotel, in compagnia dell’ennesima assistente.
Ione Robinson, si chiamava.
Aveva ragione, la signora con il velo sul volto: con il tempo, aveva detto, il dolore sarebbe aumentato.
Sarebbe così semplice mettere fine a tutto, chiudere gli occhi e buttarsi nell’oceano.
Chissà Diego quando se ne accorgerebbe, magari l’indomani.
Oggi no, perché è molto occupato con la sua nuova modella, la tennista Helen Wills.
Frida la sente gridare per l’orgasmo nel salone dove suo marito ...

Continua a leggere…

Ludwig van Beethoven – Anima mia dilettissima

0

“Lunedì sera, 6 luglio”.
Tu stai soffrendo, tu, anima mia dilettissima. – Proprio adesso mi rendo conto che le lettere debbono essere consegnate di buon mattino, lunedì – o giovedì – gli unici giorni in cui da qui parte la posta per K. – Tu soffri. – Oh, dovunque io sia, tu sei con me. – Io farò in modo che tu e io… che io possa vivere con te. Quale vita!!!! quale essa è ora!!!! senza di te – perseguitato qua e là dalla bontà della gente, una bontà, credo – che vorrei meritare quanto poco invece la merito – omaggio dell’uomo all’uomo. – Questo mi addolora – e se considero me stesso nella cornice dell’universo, che cosa sono io e che cosa è colui – che è detto il più grande degli uomini – eppure – è qui che si ritrova l’elemento divino dell’uomo. – Io piango se penso che probabilmente soltanto sabato riceverai le mie prime notizie. ...

Continua a leggere…

Frida Kahlo – Perché studi

0

Perché studi così tanto? Quale segreto vai cercando?
La vita te lo rivelerà presto.
Io so già tutto, senza leggere o scrivere.
Poco tempo fa, forse solo qualche giorno fa, ero una ragazza che camminava in un mondo di colori, di forme chiare e tangibili.
Tutto era misterioso e qualcosa si nascondeva; immaginare la sua natura era per me un gioco.
Se tu sapessi com’è terribile raggiungere tutta la conoscenza all’improvviso – come se un lampo illuminasse la terra!
Ora vivo in un pianeta di dolore, trasparente come il ghiaccio.
È come se avessi imparato tutto in una volta, in pochi secondi.
Le mie amiche, le mie compagne si sono fatte donne lentamente.
Io sono diventata vecchia in pochi istanti e ora tutto è insipido e piatto.
So che dietro non c’è niente; se ci fosse qualcosa lo vedrei.

Lettera ad Alejandro Gomez Arias – Settembre 1926

Continua a leggere…

Pagina 1 di 1012345...Ultima »