Blog
Libri

Cecelia Ahern – Credo che ..

0

Credo che la maggior parte delle persone entri nelle librerie senza sapere che cosa vuole comprare, ma poi i libri magicamente le spingono a sceglierli.
La persona giusta per il libro giusto.
È come se sapessero già di quale vita dovrebbero far parte, in che modo possono influenzarla, insegnare una lezione o illuminare un volto con un sorriso al momento giusto.

Continua a leggere…

Italo Calvino – La tua casa

0

La tua casa, essendo il luogo in cui tu leggi, può dirci qual è il posto che i libri hanno nella tua vita, se sono una difesa che tu metti avanti per tener lontano il mondo di fuori, un sogno in cui sprofondi come in una droga, oppure se sono dei ponti che getti verso il fuori, verso il mondo che t’interessa tanto da volerne moltiplicare e dilatare le dimensioni attraverso i libri.
Per capire questo, il Lettore sa che la prima cosa da fare è visitare la cucina.

Continua a leggere…

Luis Sepúlveda – Sognavo che tutti

0

Sognavo che tutti quei libri rinchiusi volevano parlare, che aspettavano il giusto interlocutore, e quello ero io.
Sognavo che i libri mi parlavano con il loro linguaggio silenzioso, mi mostravano tutte le parole stampate sulle loro pagine, a una a una, ed esigevano da me una promessa: dovevo trasformarmi nel depositario, nel custode, nell’amoroso protettore delle parole.
Allora io promettevo di vigilare che non perdessero mai il loro valore intrinseco, la loro capacità di dare un nome a tutte le cose e, a partire da questo, di farle esistere…

Continua a leggere…

Italo Calvino – C’è una linea di confine

0

C’è una linea di confine: da una parte ci sono quelli che fanno i libri, dall’altra quelli che li leggono.
Io voglio restare una di quelli che li leggono, perciò sto attenta a tenermi sempre al di qua di quella linea.
Se no, il piacere disinteressato di leggere finisce, o comunque si trasforma in un’altra cosa, che non è quella che voglio io.
È una linea di confine approssimativa che tende a cancellarsi: il mondo di quelli che hanno a che fare coi libri professionalmente è sempre più popolato e tende a identificarsi col mondo dei lettori.
Certo, anche i lettori diventano più numerosi, ma si direbbe che quelli che usano i libri per produrre altri libri crescono di più di quelli che i libri amano leggerli e basta.
So che se scavalco quel confine, anche occasionalmente, per caso, rischio di confondermi con questa marea che avanza; per questo mi rifiuto di metter piede in una casa editrice, anche per ...

Continua a leggere…

Antonio Tabucchi – Mi piacciono le storie.

0

Mi piacciono le storie.
Sono anche un ottimo ascoltatore di storie.
So sempre, anche se a volte resta vago, quando un’anima o un personaggio sta viaggiando in aria e ha bisogno di me per raccontarsi.
Ascoltare e raccontare, è un po’ la stessa cosa.
Bisogna essere disponibile, lasciare sempre la sua immaginazione aperta.
Le mie storie, i miei libri, li ho semplicemente accolti.

Continua a leggere…

Cesare Pavese – Leggendo non cerchiamo ..

0

Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma.
Ci colpiscono degli altri le parole che risuonano in una zona già nostra – che già viviamo – e facendola vibrare ci permettono di cogliere nuovi spunti dentro di noi.

Continua a leggere…

Pagina 1 di 1312345...Ultima »