Blog
.Il senso della vita

Sergio Bambarén – Non si poteva vivere

0

Non si poteva vivere senza correre alcun rischio, e il sognatore immaginava che se gli fosse successo qualcosa, sarebbe stato il modo migliore di andarsene.
Rammentava una frase che aveva letto tanto tempo prima: «Essere te stesso in un mondo che cerca costantemente di trasformarti in qualcosa di diverso è il più grande successo che tu possa conseguire».

Continua a leggere…

Jeff Foster – Semplicemente siedi

0

Semplicemente siedi, senza aspettative, con qualcuno che è nel dolore, nella paura o nella solitudine o anche nella disperazione, senza cercare di aggiustarli in alcun modo, di manipolare la loro esperienza per farla adattare alla tua idea di come dovrebbe essere;
ascolta solamente, senza giocare il ruolo di “esperto” o “guru illuminato” o di “quello che sa”;
sii solo totalmente disponibile a chi è di fronte a te, e cammina con loro attraverso il fuoco, stringi le loro mani quando davvero sono a terra.
Ecco come ci si comincia a guarire l’un l’altro, attraverso l’amore.
Oltre ogni ruolo, non protetti, irrisolti, indifesi, davvero allora ci incontriamo.

Continua a leggere…

Haruki Murakami – Ho sempre avuto ..

0

Ho sempre avuto fame di affetto, io.
E mi sarebbe bastato riceverne a piene mani anche solo una volta.
Abbastanza da dire: grazie, sono piena, più di così non ce la faccio.
Sarebbe bastato una volta, una sola unica volta.

Continua a leggere…

Zygmunt Bauman – Fino a quando le relazioni ..

0

Fino a quando le relazioni sono viste come investimenti redditizi, come garanzie di sicurezza e soluzioni ai tuoi problemi, non c’è via di scampo: testa perdi, croce vince l’altro.
La solitudine genera insicurezza, ma altrettanto sembra fare la relazione sentimentale.
In una relazione, puoi sentirti altrettanto insicuro di quanto saresti senza di essa, o anche peggio.
Cambiano solo i nomi che dai alla tua ansia.

Continua a leggere…

John Maxwell Coetzee – L’affermazione secondo cui..

0

L’affermazione secondo cui il nostro mondo dev’essere diviso in entità economiche in competizione perché questo è ciò che la sua natura richiede, è astrusa.
Le economie competitive esistono perché noi abbiamo deciso di dare loro questa forma.
La competizione è un surrogato sublimato della guerra.
La guerra non è affatto inevitabile.
Se vogliamo la guerra, possiamo scegliere la guerra; ma se vogliamo la pace, possiamo ugualmente scegliere la pace.
Se vogliamo la rivalità, possiamo scegliere la rivalità; ma possiamo anche decidere per un’amichevole cooperazione.

Continua a leggere…

Sherry Jones – Nel vostro mondo

0

Nel vostro mondo, gli uomini vogliono ancora nascondere le donne.
Nel vostro presente, vi coprono ancora con veli o con le loro menzogne sulla vostra inferiorità.
Nel passato vi cancellano dalle storie di Muhammad, o le alterano con racconti falsi che ci infiammano le orecchie e gli occhi.
Dove siete voi, le madri minacciano le figlie con un solo nome.
“Tu, A’isha!”, gridano, e le ragazze nascondono il viso per la vergogna.
Non possiamo sfuggire al nostro destino, nemmeno dopo la morte.
Ma possiamo farlo nostro, e dargli forma.
Le ragazze nascondono il viso perché non conoscono la verità: che Muhammad voleva renderci libere, ma gli altri uomini si sono portati via la libertà.
Che nessuna di noi sarà mai viva finché non potrà dar forma al suo destino.
Finché non potrà scegliere.
Quanti malintesi.
Qui dove siamo, raccogliamo la verità nelle nostre mani come acqua, cercando di contenerla, mentre la vediamo scorrere via.
La verità è troppo scivolosa per ...

Continua a leggere…

Pagina 4 di 571« Prima...23456...Ultima »