Blog
.Il senso della vita

Brian Weiss – Il riconoscimento dell’anima …

0

Il riconoscimento dell’anima gemella può essere immediato.
Si avverte un’improvvisa sensazione di familiarità, di conoscere già questa persona appena incontrata, ben oltre i limiti cui arriva la mente consapevole.
Di conoscerla così profondamente come di solito accade solo con i più intimi membri della famiglia.
O anche di più.
E di sapere già cosa dire, e come l’altro reagirà.
Nasce quindi un senso di sicurezza, e una fiducia ben più grande di quella che si potrebbe pensare di raggiungere in un solo giorno, in una settimana, in un mese.
Il riconoscimento dell’anima può essere un processo sottile e lento.
All’inizio, magari solo un albore di consapevolezza nel momento in cui il velo viene delicatamente sollevato.
Non tutti sono pronti ad accogliere subito la rivelazione.
C’è una progressione da rispettare, e può darsi che si renda necessaria, da parte di chi lo comprende per primo, un certa pazienza.
A farti capire che ti trovi di fronte a un tuo compagno d’anima ...

Continua a leggere…

Jan-Philipp Sendker – ..insegnargli quello che ..

0

… insegnargli quello che aveva insegnato a lei: che la vita, qualsiasi vita, senza eccezioni, è legata al dolore; che le malattie sono inevitabili, che tutti invecchiamo e non possiamo sfuggire alla morte.
Sono le leggi dell’esistenza umana, le aveva spiegato U May.
Leggi che valgono per chiunque, in qualunque parte del mondo, indipendentemente dal mutare dei tempi.
Non esiste nessuno che possa liberare un uomo dalla sofferenza o dal dolore di questa prospettiva tranne lui stesso.
E nonostante ciò, così le aveva sempre detto U May, la vita è un dono da non disprezzare.
Un dono pieno di enigmi, nel quale dolore e felicità sono inscindibilmente legati l’uno all’altra, e ogni tentativo di godere dell’una senza soffrire dell’altro è destinato a fallire.

Continua a leggere…

Sergio Bambarén – Vivere le esperienze

0

Vivere le esperienze che la vita ci offre è un dovere.
Trarne sofferenza oppure gioia, invece, è una nostra scelta.
E questa scelta è la causa, non la conseguenza di un’esistenza felice o infelice.

Continua a leggere…

Paulo Coelho – Quando non si può

0

Quando non si può tornare indietro, bisogna soltanto preoccuparsi del modo migliore per avanzare.

Continua a leggere…

Dino Buzzati – Contro l’amore

0

Ora che lui è partito, e non si farà vivo più, scomparso, cancellato via dal quadrante della vita esattamente come se fosse morto, a lei, Irene, non resta che armarsi di tutto il coraggio che una donna può chiedere a Dio e sradicare tutti i rami per cui quello sfortunato amore si è attaccato alle sue viscere.
È sempre stata una ragazza forte, Irene, questa volta non sarà da meno.
È fatto! Meno tremendo di quanto lei pensasse; e meno lungo.
Non sono passati neanche quattro mesi, ed eccola completamente liberata.
Un poco più magra, più pallida, più diafana, però leggera, col languore soave della convalescenza, dentro cui già palpitano vaghe illusioni nuove.
Oh è stata brava, eroica è stata, ha saputo essere crudele con se stessa, ha respinto con accanimento tutte le lusinghe dei ricordi, ai quali sarebbe stato pur dolce abbandonarsi.
Distruggere tutto ciò che di lui restava nelle sue mani, fosse pure uno spillo, bruciare le lettere ...

Continua a leggere…

Anonimo – Un nuovo fiore

0

In un tempo lontano, in una bella distesa di grano, nacque un nuovo fiore.
Era diverso da tutti gli altri, e le spighe, con il loro dolce ondeggiare cullate dal vento lo guardavano con diffidenza
“Un estraneo tra noi” dicevano “Che sciagura, rovinerà lo splendido panorama che solo noi riusciamo a creare!”
Aa volte lo prendevano in giro, la spiga Gina diceva: “Ma guardati sei proprio strano, sei troppo giallo, sarai malato?”.
E il fiore dal lungo stelo, si sentiva sempre più solo, sempre più triste, e mentre cresceva la sua testa si chinava in basso, per la vergogna di essere diverso.
Le spighe, vedendo che il nuovo arrivato non si difendeva neanche, presero ancora a elogiare le loro qualità una volta raccolte, facendo sentire il nostro fiore ancora più inutile.
Dicevano in coro: “Con il nostri frutti si fa la farina, con la farina si fanno i biscotti le torte e pure la pastasciutta di cui ogni creatura ne ...

Continua a leggere…

Pagina 4 di 498« Prima...23456...Ultima »