Blog
.Il senso della vita

Gianna Schelotto – Perdere un amore ..

0

Perdere un amore non significa perdere se stessi: col tempo ci si accorge che la delusione e la sofferenza non sono stati solo un tormento gratuito, ma hanno nutrito inaspettate capacità.
Dopo le inondazioni del Nilo – così era scritto nei libri delle elementari –, le acque che si ritirano lasciano una sorta di fanghiglia chiamata “limo”, che rende la terra straordinariamente fertile.
Allo stesso modo, l’esperienza di un’infelicità amorosa può aprire, superato il periodo di “fisiologico” annichilimento, nuovi e più vasti orizzonti.

Continua a leggere…

Yogananda – La sofferenza ed il piacere ..

0

La sofferenza ed il piacere sono transitori; sopportate ogni dualità con calma, cercando allo stesso tempo di portarvi al di là del loro potere.
L’immaginazione è la porta da cui entrano sia la malattia che la guarigione.
Rifiutate di credere alla realtà della malattia, anche quando siete ammalati; un visitatore non accolto scappa via presto!

Continua a leggere…

Richard Bach – Un minuscolo cambiamento

0

Un minuscolo cambiamento oggi ci porta a un’enorme differenza domani.
Ci sono grandi ricompense per coloro che percorrono strade irte di di difficoltà, ma queste ricompense sono nascoste dagli anni.
Ogni scelta viene fatta come un’apertura al buio, senza garanzie da parte del mondo intorno a noi.

Continua a leggere…

Zygmunt Bauman – Nell’antichità la felicità

0

Nell’antichità la felicità era una ricompensa per pochi eletti selezionati.
In un momento successivo venne concepita come un diritto universale che spettava a ogni membro della specie umana.
Successivamente, si trasformò in un dovere: sentirsi infelici provoca senso di colpa.
Dunque chi è infelice è costretto, suo malgrado, a trovare una giustificazione alla propria condizione esistenziale.

Continua a leggere…

Alda Merini – Mi sento cattolica

0

Mi sento cattolica e profondamente moralista, nel senso che sono una persona seria allevata da genitori serissimi, pesanti e pedanti in fatto di morale.
Non lo so se credo in Dio, credo in qualcosa che… credo in un Dio crudele che mi ha creato, non è essere cattolici questo?
Perché, Dio non è così?
Tutti abbiamo un Dio, un idoletto, ma proprio il Dio specifico che ha creato montagne, fiumi e foreste lo si immagina solo… con la barba, vecchio, un po’ cattivo, un Dio crudele che ha creato persone deformi, senza fortuna.
Credo nella crudeltà di Dio.
Non penso siano idee blasfeme, la Chiesa non mi ha mai condannata.
Anzi, il mio “Magnificat” è stato esaltato, perché ho presentato una Madonna semplice, come è davvero lei davanti a questo stupore dell’Annunciazione, che non accetta fino in fondo perché lei ha San Giuseppe.
Io pregavo da bambina, ero sempre in chiesa, sentivo sette, otto, dieci messe al giorno, mi piaceva, ...

Continua a leggere…

Stefano Benni – Ma la memoria non è fatta

0

“Ma la memoria non è fatta solo di giuramenti, parole e lapidi,è fatta di gesti che si ripetono ogni mattino del mondo.
E il mondo che vogliamo noi va salvato ogni giorno, nutrito,tenuto vivo.
Basta mollare un attimo e tutto va in rovina”.
Baruch scrutò verso i monti, come se cercasse le orme dei suoi passi, e di quelle dei suoi compagni.
“Torneranno” disse tristemente ” tra vent’anni o trenta ma torneranno.
Non vedremo cingolati entrare in paese, non parleranno tedesco.
Sorrideranno e avranno delle belle auto ammirate da tutti.
Vestiranno giacche di sartoria invece della divisa di ordinanza.
Non gireranno le squadracce, ma si sparirà in silenzio, cancellati in qualche nuovo modo elegante.
Così sarà.

Continua a leggere…

Pagina 1 di 56512345...Ultima »