Blog
Condivisione

Antoine de Saint-Exupéry – L’amico è innanzi

0

L’amico è innanzi tutto colui che non giudica.
Egli apre la porta al viandante, alle sue stampelle, al suo bastone deposto in un canto e non gli chiede di danzare per giudicare la sua danza.
E se il viandante parla della primavera oramai sopraggiunta, l’amico è colui che riceve dentro di sé la primavera.
E se egli racconta l’orrore della carestia nel villaggio dal quale proviene, l’amico soffre con lui la fame.
Nell’uomo, l’amico è la parte destinata a te e che apre per te una porta che forse non aprirebbe mai per nessun’altro.

Continua a leggere…

Lella Costa – Io non so come

0

Io non so come funzioni tra maschi.
Tra femmine succede che spesso ci si incontri e si saltino tutti i preliminari della conoscenza reciproca, tutti i passaggi progressivi di una relazione, e ci si ritrovi istintivamente e immediatamente amiche.

Continua a leggere…

Massimo Bisotti – Devi imparare persino a regalare.

0

In lei vedevo ciò che non ho avuto mai e mi faceva venire voglia non di averlo ma di regalarglielo.
Però col tempo ho imparato una cosa, la vita i bei regali che le fai non te li rispedisce indietro.
Devi imparare persino a regalare.
Devi dare nella giusta misura.
Se gli occhi vedono sei decimi è inutile dare dieci.
L’ho capito tutte le volte che ho seguito con gli occhi le lettere illuminate della tastiera del computer per comporre il suo nome con lo sguardo, mentre lei non guardava mai niente davvero profondamente negli attimi della mia vita.
Solo quei ” sono contenta per te”…è quel “per te” che mette distanza, una distanza enorme, una distanza che ferisce come una delusione.
” Per te” è un’aggiunta che toglie, cancella il noi dalla porta di casa, non condivide, divide.
Ma poi l’ossessione si placa, un po’ come il vento e il tuo sguardo capisce quanto sia prezioso un regalo scelto ...

Continua a leggere…

Laura Tangorra – Adesso vedermi lì stampata ..

0

Adesso vedermi lì stampata e rilegata, mi fa quasi paura perché quella che voi terrete tra le mani, non è soltanto carta: sono io.
Ma in realtà sono felice, perché un dolore chiuso in se stesso non trova senso.
Solo il condividerlo può dargli significato.

Continua a leggere…

Jill Bolte Taylor – Perché due persone …

0

Perché due persone possano comunicare fra loro è necessario che condividano almeno una parte di realtà.
Di conseguenza, i nostri sistemi nervosi devono essere virtualmente identici dal punto di vista della capacità di ricevere informazioni dal mondo esterno, elaborarle e integrarle nel cervello, ed essere dotati di sistemi simili per produrre pensieri, parole e azioni.

Continua a leggere…

Anonimo – Chiedere aiuto

0

Il padre guardava il suo bambino che cercava di spostare un vaso di fiori molto pesante.
Il piccolino si sforzava, sbuffava, brontolava, ma non riusciva a smuovere il vaso di un millimetro.
“Hai usato proprio tutte le tue forze?”, gli chiese il padre.
“Sì”, rispose il bambino.
“No”, ribattè il padre, “perché non mi hai chiesto di aiutarti”.

Chiedere aiuto è usare “tutte” le nostre forze.

 

 

Continua a leggere…

Pagina 1 di 212