Blog
.Citazione

Miguel De Cervantes – Le favole immaginarie ..

0

Le favole immaginarie devono sposarsi con l’intelligenza di quelli che le leggono, e devono essere scritte in maniera da rendere accettabili le cose impossibili.

Continua a leggere…

Charles Bukowski – Ordinai un altro

0

Ordinai un altro giro di drink.
Alzò il bicchiere e mi fissò mentre beveva un sorso.
Aveva gli occhi blu e quel blu mi entrò nel profondo e lì restò.
Ero ipnotizzato.
Uscii da me stesso e mi tuffai in quel blu.

Continua a leggere…

Erri De Luca – Ho imparato la lingua yiddish..

0

Ho imparato la lingua yiddish, parlata da undici milioni di ebrei dell’Europa orientale e ammutolita dalla loro distruzione.
Ha un impianto grammaticale tedesco, è scritta in caratteri ebraici, si legge da destra a sinistra.
Mi procurai una grammatica e un paio di vocabolari in inglese.
Delle lingue che ho avvicinato è quella che ho imparato a leggere più in fretta.
E mi sono trovato a sfogliare una letteratura quasi sconosciuta, pochissimo tradotta.
Lo yiddish assomiglia al mio napoletano, entrambe lingue di molta folla in spazi stretti.
Sono perciò veloci, di parole tronche, adatte a farsi largo tra le grida.
Hanno la stessa quantità di mendicanti e di superstizioni.
Sono competenti in miserie, emigrazioni e teatri.
Usano proverbi simili e irridenti: “È buono impararsi barbiere sulla faccia degli altri”.
Del progresso dicono: “Pure un calcio nel sedere è un passo avanti”.

Continua a leggere…

Alekos Panagoulis – La poesia è una necessità.

0

La poesia è una necessità.
È un grido, qualcosa che nessuno può fermare, che ci spinge a cercare carta e matita in certi momenti.
Non ha importanza, a volte, la forma della poesia, ha importanza se ciò che spunta sulla carta è il sentimento reale, il grido.
Spesso è un grido dell’istante, è un dolore che si vuole immortalare, forse perché gli uomini non abbiano a dimenticare.
Settembre 1973

Continua a leggere…

De Luca-Sarajlic – Perché io non so chiedere

0

Perché io non so chiedere.
Non l’ho mai saputo fare.
So fare tante cose con le mani, ma con la faccia, con la voce, so fare poche cose.
Ho imparato le strade del tuo paese con le mani sullo sterzo di carri a motore, ma ho detto poche parole.
Di più ne ho scritte perché la scrittura è una parola che si fa con le mani.

Continua a leggere…

Diego Rivera – Gliela raccomando..

0

Rivera aveva inviato a un critico d’arte, in occasione di una mostra d’arte, il seguente biglietto:
«Gliela raccomando, non come marito, ma come un ammiratore entusiasta della sua opera, acida e tenera, dura come l’acciaio e delicata e fine come l’ala di una farfalla, adorabile come un bel sorriso e profonda e crudele come l’amarezza della vita».

Continua a leggere…

Pagina 2 di 70012345...Ultima »