Poesie

Emily Dickinson – Avevo avuto fame

0

Emily-Dickinson-Avevo-avuto-fameAvevo avuto fame, tutti quegli Anni -
Il mio Mezzogiorno era Giunto – per pranzare -
Mi accostai tremante alla Tavola -
E sfiorai lo Strano Vino -
Era quello che avevo visto sulle Tavole -
Quando tornando, affamata, a Casa
Guardavo attraverso le Finestre, la Ricchezza
Che non speravo – per Me -
Non conoscevo quel copioso Pane -
Così diverso dalla Briciola
Che gli Uccelli ed io, avevamo spesso condiviso
Nella Sala da Pranzo – della Natura -
L’Abbondanza mi ferì – era così nuova -
Mi sentivo male – e strana -
Come una Bacca – di un Arbusto Montano -
Trapiantata – su una Strada -
Non avevo più fame – così scoprii
Che la Fame – è la condizione
Di persone Fuori dalle Finestre -
L’entrare – la rimuove -

[F439 - J579 (1862)]

QUI la versione originale Inglese

Letta da DadoPlath

Letta da Valter Zanardi