Blog
Richard Bach

Richard Bach – Il Vostro corpo,

0

Il Vostro corpo, dalla punta del becco alla coda, dall’una all’altra punta delle ali, non è altro che il vostro pensiero, una forma del vostro pensiero, visibile, concreta.
Spezzate le catene che imprigionano il pensiero, e anche il vostro corpo sarà libero.

Continua a leggere…

Richard Bach – Sentirò la tua mancanza, Jonathan.

1

Sentirò la tua mancanza, Jonathan.
Che dici mai? Sully, vergogna! Via, non dire sciocchezze! Cosa studiamo a fare, tutto il giorno?
Se la nostra amicizia dipendesse da cose come lo spazio e il tempo, allora, una volta superato lo spazio e il tempo, noi avremmo anche distrutto questo nostro sodalizio! Non ti pare?
Ma se superi il tempo e lo spazio, non vi sarà nient’altro che l’Adesso e il Qui, il Qui e l’Adesso.
E non ti sa che, in questo Hic et Nunc, noi avremo occasione di vederci, eh, ogni tanto?

Continua a leggere…

Richard Bach – Il legame che unisce la tua vera famiglia

0

Il legame che unisce la tua vera famiglia non è quello del sangue,
ma quello del rispetto e della gioia per le reciproche vite.
Di rado gli appartenenti ad una famiglia crescono sotto lo stesso tetto .

Continua a leggere…

Richard Bach – Raggiungerai il paradiso, allora,

0

Raggiungerai il paradiso, allora, quando avrai raggiunto la velocità perfetta.
Il che non significa mille miglia all’ora, né un milione di miglia, e neanche vuol dire volare alla velocità della luce.
Perché qualsiasi numero, vedi, è un limite, mentre la perfezione non ha limiti.
Velocità perfetta, figlio mio, vuol dire solo esserci, esser là.

Continua a leggere…

Richard Bach – Una nuvola non sa perché si muove

0

Una nuvola non sa perché si muove in una certa direzione e a una certa velocità.
Segue un impulso, è li che deve andare.
Ma il cielo conosce le ragioni e gli schemi al di là delle nuvole, e anche tu li conoscerai, quando ti librerai abbastanza in alto per vedere l’orizzonte.

Continua a leggere…

Richard Bach – Gli angeli hanno sempre detto

0

Gli angeli hanno sempre detto queste cose:
non preoccuparti, non temere, tutto andrà bene.
L’io di allora avrebbe probabilmente guardato male l’io di adesso e avrebbe detto:
«È facile parlare, per te, ma io non ho più niente da mangiare e sono al verde da martedì!».

Continua a leggere…

Pagina 1 di 1212345...Ultima »