Blog
Haruki Murakami

Haruki Murakami – Se io provassi a rilassarmi andrei in pezzi.

0

A capire che se uno si rilassa si sente più leggero ci arrivo anch’io.
Ma non capisci quanto è assurdo dirmi una cosa del genere?
Sai perché?
Se io provassi a rilassarmi andrei in pezzi.
Ho sempre vissuto così, da tanto tempo, e anche adesso è l’unico modo in cui posso vivere.
Se una volta sola mi lasciassi andare, non potrei tornare indietro,
E se andassi in pezzi, il vento mi spazzerebbe via.

Continua a leggere…

Haruki Murakami – La felicità è sempre uguale,

0

La felicità è sempre uguale, ma l’infelicità può avere infinite variazioni, come ha detto anche Tolstoj.
La felicità è una fiaba, l’infelicità un romanzo.

Continua a leggere…

Haruki Murakami – Immagina una terribile tempesta di sabbia

0

Sei pronto?
Immagina una terribile tempesta di sabbia, – dice. – Dimentica completamente tutto il resto.
Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso.
Per evitarlo cambi l’andatura.
E il vento cambia andatura, per seguirti meglio.
Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo.
Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra col dio della morte prima dell’alba.
Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te.
È qualcosa che hai dentro.
Quel vento sei tu.
Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.
Attraversarlo, un passo dopo l’altro.
Non troverai sole né luna, nessuna direzione, e forse nemmeno il tempo.
Soltanto una sabbia bianca, finissima, come fosse fatta di ossa polverizzate, che danza in alto nel cielo.
Devi immaginare ...

Continua a leggere…

Haruki Murakami – Quando tutto attorno è buio

0

Quando tutto attorno è buio non c’è altro da fare che aspettare, tranquilli che gli occhi si abituino all’oscurità.

Continua a leggere…

Murakami Haruki – Qualche volta il destino assomiglia

0

Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso.
Per evitarlo cambi l’andatura.
E il vento cambia andatura, per seguirti meglio.
Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo.
Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra col dio della morte prima dell’alba.
Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te.
È qualcosa che hai dentro.
Quel vento sei tu.
Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.
Attraversarlo, un passo dopo l’altro.
Non troverai sole né luna, nessuna direzione, e forse nemmeno il tempo.
Soltanto una sabbia bianca, finissima, come fosse fatta di ossa polverizzate, che danza in alto nel cielo.
Devi immaginare questa tempesta di sabbia.


Continua a leggere…

Haruki Murakami – Avrei voluto mettermi a piangere

0

Avrei voluto mettermi a piangere forte, ma non potevo.
Non avevo più l’età per versare lacrime, avevo fatto troppe esperienze.
Esiste anche questo al mondo, la tristezza di non poter piangere calde lacrime.
È una tristezza che non può prendere forma, si accumula quietamente nel cuore come la neve in una notte senza vento.

Continua a leggere…

Pagina 5 di 6« Prima...23456