Blog
Fernando Antonio Nogueira Pessoa

Fernano Pessoa-Alberto Caeiro – Se dopo la mia morte

0

Se dopo la mia morte volessero scrivere la mia biografia, non c’è niente di più semplice.
Ci sono solo due date – quella della mia nascita e quella della mia morte.
Tutti i giorni fra l’una e l’altra sono miei.

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Tutta la vita dell’anima…

0

222 (427) 10.4.1930
Tutta la vita dell’anima umana è un movimento nella penombra.
Viviamo in un’incertezza della coscienza, mai sicuri di ciò che siamo o di ciò che crediamo di essere.
Nei migliori di noi c’è la vanità di qualcosa e c’è un errore di cui non conosciamo l’angolo.
Siamo qualcosa che accade nell’intervallo di uno spettacolo; a volte, attraverso determinate porte, intravediamo quello che forse è soltanto lo scenario.
Tutto il mondo è confuso come voci nella notte.
Ho appena riletto queste pagine nelle quali scrivo con duratura chiarezza e mi interrogo.
Cos’è questo, e a cosa serve questo?
Chi sono quando sento?
Che cosa muoio quando sono?
Come qualcuno che da un’alta cima tenti di distinguere la vita che si svolge a valle, così io mi contemplo da una cima e sono, insieme a tutto, un paesaggio indistinto e confuso.
In queste ore di abisso dell’anima il più piccolo dettaglio mi opprime come una lettera di addio.
Mi ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – … la mia storia priva di vita.

0

Invidio – ma non so se è invidia – coloro dei quali si può scrivere una biografia, o che possono scrivere la propria.
In questi miei appunti sconnessi, e che non ambiscono ad avere un nesso, racconto con indifferenza la mia autobiografia priva di avvenimenti, la mia storia priva di vita.
Sono le mie confessioni, e se in esse non dico niente è perché non ho niente da dire.
Che cosa c’è da confessare che valga la pena o che sia utile?
Quello che è successo a noi, o è successo a tutti o esclusivamente a noi; nel primo caso non è una novità e nel secondo caso non è una cosa che si possa capire.
Se scrivo ciò che sento è perché così facendo abbasso la febbre di sentire.
Quello che confesso non ha importanza perché niente ha importanza.
Con ciò che sento costruisco dei paesaggi.
Fabbrico delle vacanze con le sensazioni.
Mi è facile capire le ricamatrici che ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Il mio desiderio è fuggire.

0

Il mio desiderio è fuggire.
Fuggire da ciò che conosco, fuggire da ciò che è mio, fuggire da ciò che amo.
Desidero partire: non verso le Indie impossibili o verso le grandi isole a Sud di tutto, ma verso un luogo qualsiasi, villaggio o eremo, che possegga la virtù di non essere questo luogo.
Non voglio più vedere questi volti, queste abitudini e questi giorni.
Voglio riposarmi, da estraneo, dalla mia organica simulazione.
Voglio sentire il sonno che arriva come vita e non come riposo.
Una capanna in riva al mare, perfino una grotta sul fianco rugoso di una montagna, mi può dare questo.
Purtroppo soltanto la mia volontà non me lo può dare.

Letto da Paolo Rossi per Parole|Note

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – A forza di occuparmi di ombre ..

0

A forza di occuparmi di ombre io stesso mi sono trasformato in un’ombra: in ciò che penso, in ciò che sento, in ciò che sono.

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – All’improvviso sono solo al mondo.

1

All’improvviso sono solo al mondo.
Lo vedo da un tetto spirituale.
Sono solo al mondo.
Vedere è essere distanti.
Vedere nitidamente significa fermarsi.
Analizzare è essere stranieri.
La gente passa senza sfiorarmi.
Ho solo l’aria intorno a me.

Continua a leggere…

Pagina 1 di 1212345...Ultima »