Blog
Pablo Neruda

Pablo Neruda – Donna Completa

0
Autore: Pablo Neruda -

Donna completa, mela carnale, luna calda,
denso aroma d’alghe, fango e luce pestati,
quale oscura chiarità s’apre tra le tue colonne?
Quale antica notte tocca l’uomo con i suoi sensi?
Ahi, amare è un viaggio con acqua e con stelle,
con aria soffocata e brusche tempeste di farina:
amare è ...

Continua a leggere…

Pablo Neruda – Pensando

0
Autore: Pablo Neruda -

Pensando, intrecciando ombre nella solitudine profonda.
Persino tu sei lontana, oh, più lontana di tutti.
Pensando, liberando uccelli, dileguando immagini,
sotterrando lampade.
Campanili di nebbie, così distante, lassù in alto!
Soffocando lamenti, macinando oscure speranze,
silenzioso mugnaio,
la notte cade bocconi ai tuoi piedi, lontano dalla città.
La tua presenza ...

Continua a leggere…

Pablo Neruda – Bella

0
Autore: Pablo Neruda -

Bella,
come nella pietra fresca
della sorgente, l’acqua
apre un ampio lampo di spuma,
così è il sorriso del tuo volto,
bella.

Bella,
dalle fini mani e dagli esili piedi
come un cavallino d’argento,
che cammina, fiore del mondo,
così ti vedo,
bella.

Bella,
con un nido di rame intricato ...

Continua a leggere…

Pablo Neruda – Ancora abbiamo perso questo tramonto

0
Autore: Pablo Neruda -

Ancora abbiamo perso questo tramonto.
Nessuno stasera ci vide con le mani unite
mentre il vento azzurro cadeva sopra il mondo.
Ho visto dalla mia finestra
la festa del ponente sui monti lontani.
A volte, come una moneta
si incendiava un pezzo di sole tra le mani.
Io ti ricordavo ...

Continua a leggere…

Pablo Neruda – Figlio

0
Autore: Pablo Neruda -

Ahi figlio, sai, sai.
da dove vieni?..
Da un lago di gabbiani.
bianchi e affamati…
Vicino all’acqua d’inverno.
io e lei sollevammo.
un rosso fuoco.
consumandoci le labbra.
baciandoci l’anima,.
gettando al fuoco tutto,.
bruciandoci la vita…
Così venisti al mondo…
Ma lei per vedermi.
e per vederti un giorno. ...

Continua a leggere…

Pablo Neruda – Sono andato segnando

0
Autore: Pablo Neruda -

Sono andato segnando con croci di fuoco
l’atlante bianco del tuo corpo.
La mia bocca era un ragno che passava nascondendosi.
In te, dietro te, timoroso, assetato.

Storie da raccontarti sulla riva del crepuscolo
bambola triste e dolce, perché non fossi triste.
Un cigno, un albero, qualcosa di lontano e ...

Continua a leggere…

Pagina 5 di 10« Prima...34567...Ultima »