Blog
Fernando Antonio Nogueira Pessoa

Fernando Pessoa – L’amore, quando si rivela

0

L’amore, quando si rivela,
Non si sa rivelare.
Sa bene guardare lei,
Ma non le sa parlare.

Chi vuol dire quel che sente
Non sa quel che deve dire.
Parla: sembra mentire…
Tace: sembra dimenticare…

Ah, ma se lei indovinasse,
Se potesse udire lo sguardo,
E se uno sguardo le ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Ode alla notte

0

DUE BRANI DI ODE
(FINI DI DUE ODI, NATURALMENTE)

Vieni, Notte antichissima e identica,
Notte Regina nata detronizzata,
Notte internamente uguale al silenzio, Notte
con le stelle, lustrini rapidi
sul tuo vestito frangiato di Infinito.

Vieni vagamente,
vieni lievemente,
vieni sola, solenne, con le mani cadute
lungo i fianchi, vieni ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Postilla

0

Approfittare del tempo!
Ma che cos’è il tempo perché io ne debba approfittare?
Approfittare del tempo!
Nessun giorno senza una riga…
Il lavoro onesto e superiore…
Il lavoro alla Virgilio, alla Milton…
Ma è così difficile essere onesto o superiore!
E così poco probabile essere Milton o Virgilio!

Approfittare del ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Questa vecchia angoscia

0

Questa vecchia angoscia,
questa angoscia che porto da secoli dentro di me,
è traboccata dal vaso,
in lacrime, in grandi immaginazioni,
in sogni tipo incubi senza terrore,
in grandi emozioni improvvise, senza alcun senso.

È traboccata.
Quasi non so come comportarmi nella vita
con questo malessere che mi riempie l’anima ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Mi sono appoggiato all’indietro sulla sdraio di coperta

0

Mi sono appoggiato ll’indietro sulla sdraio di coperta e ho chiuso gli occhi,
e il mio destino mi è apparso nell’anima come un precipizio.
La mia vita passata si è mescolata a quella futura,
e nel mezzo c’è stato un rumore nel fumoir,
dove, per le mie orecchie, era finita ...

Continua a leggere…

Fernando Pessoa – Il mio cuore fu tuo

0

Sì, un momento
passi ancora
per il mio vago pensiero
e ricordarti sarebbe tormento
se immaginare fosse disgrazia.
Sì, in quell’ora
in cui parlammo più guardando
che parlando,
derivò questa cronica esitazione
che ora ho nel ricordarti.

Apparisti
nella mia vita
come una cosa che era alla porta.
Sparisti.
Più ...

Continua a leggere…

Pagina 1 di 1112345...Ultima »