Blog
Camillo Sbarbaro

Camillo Sbarbaro – Ora che non mi dici niente

0
Autore: Camillo Sbarbaro -

Or che non mi dici niente, ora
che non mi fai godere né soffrire,
tu sei la consueta dei miei giorni.
Assomigli ad un lago tutto uguale
sotto un cielo di latta tutto uguale.
Assonnato mi muovo sulla riva.
Non voglio, non desidero, neppure
penso.
Mi tocco per sentir se ...

Continua a leggere…

Camillo Sbarbaro – Sempre assorto

0
Autore: Camillo Sbarbaro -

Sempre assorto in me stesso e nel mio mondo
come in sonno tra gli uomini mi muovo.
Di chi m’urta col braccio non m’accorgo,
e se ogni cosa guardo acutamente
quasi sempre non vedo ciò che guardo.
Stizza mi prende contro chi mi toglie
a me stesso. Ogni voce m’importuna. ...

Continua a leggere…

Camillo Sbarbaro – Svegliandomi il mattino

0
Autore: Camillo Sbarbaro -

Svegliandomi il mattino, a volte provo
sì acuta ripugnanza a ritornare
in vita, che di cuore farei patto
in quell’istante stesso di morire.

Il risveglio m’è allora un alto nascere;
ché la mente lavata dall’oblio
e ritornata vergine nel sonno
s’affaccia all’esistenza curiosa.
Ma tosto a lei l’esperienza emerge
come ...

Continua a leggere…

Camillo Sbarbaro – Non Vita

0
Autore: Camillo Sbarbaro -

Non Vita, perché tu sei nella notte
la rapida fiammata, e non per questi
aspetti della terra e il cielo in cui
la mia tristezza orribile si placa:
ma, Vita, per le tue rose le quali
o non sono sbocciate ancora o già
disfannosi, pel tuo Desiderio
che lascia come ...

Continua a leggere…

Camillo Sbarbaro – Mi desto dal leggero sonno solo

0
Autore: Camillo Sbarbaro -

Mi desto dal leggero sonno solo
nel cuore della notte.

Tace intorno
la casa come vuota e laggiù brilla
silenzioso coi suoi lumi un porto.
Ma sì freddi e remoti son quei lumi
e sì grande è il silenzio nella casa
che mi levo sui gomiti in ascolto.

Improvviso terrore ...

Continua a leggere…

Camillo Sbarbaro – La bambina che va sotto gli alberi

0
Autore: Camillo Sbarbaro -

La bambina che va sotto gli alberi
non ha che il peso della sua treccia,
un fil di canto in gola.
Canta sola
e salta per la strada: ché non sa
che mai bene più grande non avrà
di quel po’ d’oro vivo per le spalle,
di quella gioia in ...

Continua a leggere…

Pagina 3 di 612345...Ultima »