Poesie
Morte

Walt Whitman – O Capitano! Mio Capitano!

1
Autore: Walt Whitman -

O Capitano! mio Capitano! il nostro viaggio tremendo è finito,
La nave ha superato ogni tempesta, l’ambito premio è vinto,
Il porto è vicino, odo le campane, il popolo è esultante,
Gli occhi seguono la solida chiglia, l’audace e altero vascello;
Ma o cuore! cuore! cuore!
O rosse gocce sanguinanti ...

Continua a leggere…

Cesare Pavese – Tu non sai le colline

0
Autore: Cesare Pavese -

Tu non sai le colline
dove si è sparso il sangue.
Tutti quanti fuggimmo
tutti quanti gettammo
l’arma e il nome. Una donna
ci guardava fuggire.
Uno solo di noi
si fermò a pugno chiuso,
Vide il cielo vuoto,
chinò il capo e morì
sotto il muro, tacendo.
Ora è ...

Continua a leggere…

Charles Baudelaire – Una carogna

0
Autore: Charles Baudelaire -

Ricordate, anima mia, la cosa che vedemmo
quel così dolce mattino d’estate;
alla svolta d’un sentiero un’infame carogna
su un giaciglio cosparso di sassi,

le gambe all’aria, come una donna impudica,
ardente e trasudante veleni,
spalancava in modo cinico e disinvolto
il ventre pieno d’esalazioni.

Il sole irradiava questo putridume, ...

Continua a leggere…

Alexandros Panagulis – Memoria – Anniversario

0

Come i rami degli alberi
ascoltano
i primi colpi dell’ascia
così
quella mattina
i comandi
giungevano ai miei orecchi

Nella stessa ora
vecchie memorie
che credevo morte
m’inondavano il pensiero
simili a singhiozzi
laceranti del passato
per un domani che non sarebbe giunto

La volontà
quella mattina
era soltanto augurio ...

Continua a leggere…

Jorge Luis Borges – Rimorso per qualsiasi morte

0

Libero dalla memoria e dalla speranza,
illimitato, astratto, quasi futuro,
il morto non è un morto: è la morte.
Come il Dio dei mistici,
al Quale si devono rifiutare tutti i predicati,
il morto ubiquamente estraneo
non è che la perdizione e assenza del mondo.
Tutto gli abbiamo rubato,
non ...

Continua a leggere…

Giuseppe Ungaretti – Veglia

0
Autore: Giuseppe Ungaretti -

Un’intera nottata
buttato vicino a un compagno
massacrato con la sua bocca
digrignata
volta al plenilunio
con la congestione
delle sue mani
penetrata
nel mio silenzio
ho scritto
lettere piene d’amore

Non sono mai stato
tanto
attaccato alla vita

da “L’allegria”

Continua a leggere…

Pagina 1 di 712345...Ultima »